La nostra storia

FacebookCondividi

Nel calendario della famiglia Robasto il primo marzo del 1978 è segnato in rosso. Una data importante,  quella dell’apertura della trattoria Val Pellice. Un pezzetto di storia caratterizzato dall’accoglienza, dalla buona cucina, dalla qualità dei cibi. Tre elementi che conferiscono a questo locale, situato sul quel lungo rettilineo che unisce Pinerolo a Bricherasio, un’atmosfera capace di farti sentire a casa tua anche se sei in trattoria. Un’azienda a conduzione familiare, nel senso stretto del concetto di famiglia, dove tutti collaborano per far crescere la propria attività. E così troviamo Giorgio in cucina, sua moglie Betty all’accoglienza e le due figlie, Cristina e Valentina, in sala. “In 30 anni di lavoro – spiega Giorgio Robasto – abbiamo assistito a grandi trasformazioni nelle abitudini dei nostri clienti. A tavola si beve qualche bicchiere di vino in meno, ma un punto è rimasto fermo ieri come oggi, la ricerca della qualità dei prodotti. Un bravo cuoco non deve quindi soltanto saper cucinare bene, ma soprattutto deve essere attento nella selezione di ciò che porterà nella sua cucina”.